Recensione: “Il Ritratto di Dorian Gray” scritto da Oscar Wilde

Doriangray_1945Il Ritratto di Dorian Gray, scritto da Oscar Wilde, descrive un mondo aristocratico, dove tutto è vuoto e superficiale, pur senza criticarlo esasperatamente, in quanto è il mondo a cui lui stesso appartiene.Dorian è il protagonista del romanzo,dal bellissimo aspetto nella vita si “occupa” di coltivare le proprie amicizie e l’eleganza.  Inizialmente viene presentato come un fanciullo ingenuo, acerbo alla vita e molto infleunzabile da personalità più forte. Tutto inizia nello studio di Basil Hallward, il suo amico pittore che lo “usava” come modello per i suoi quadri.

Proprio nello studio di Basil Dorian fa la conoscienza di Lord Henry, sarà proprio quest ultimo con il suo cinismo e le sue teorie sulla vita a spingere Dorian sulla “cattiva strada” e a peccare come non mai, e sopratutto lo convince dell’importanza della sua bellezza.. Ed è proprio mentre Basil fa un ritratto a Dorian che quest’ultimo prega che la sua bellezza non svanisca e che sia il ritratto a subire l’avanzare dell’età. Con l’avanzare degli anni i suoi peccati aumentano di numero, di frequenza, di importanza e sebbene la sua bellezza rimane intatta la sua anima si macchia di orrori che sono impossibili da cancellare. Sebbene il suo aspetto sia di assoluto splendore la sua anima è un mostro ripugnante, e Dorian è ossessionato dal quadro, lo vuole controllare, lo vuole vedere, d’altronde per lui è come osservare la sua vera anima. Sebbene il suo aspetto non peggiori mai e la sua bellezza rimane immutata, la sua anima è ormai corrotta e prima o poi tutti debbono pagare il conto delle proprie azioni.

Sono rimasto piacevolmente soddisfatto da “Il ritratto di Dorian Gray” e soprattutto dal trasporto che Oscar Wilde ha esercitato su di me nel farmi vivere l’atmosfera della vita aristocratica Inglese di quel periodo, mentre leggevo se chiudevo gli occhi mi sembrava di trovarmi in uno di quei salotti con il camino acceso a sorseggiare brandy e parlare di arte, e un istante dopo ero seduto in un grande salone a mangiare cacciagione e discutere sul senso della vita. Per il resto ogni parola è superflua, ho dato una breve descrizione del romanzo che è un grande classico a cui nessuno può rinunciare.

 

 

 

 

 

 

2 Comments

Concordo con la recensione, nel leggere il libro mi sono sentita una dandy catapulata nei borghi inglesi!

Rispondi

Name and email address are required. Your email address will not be published.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <pre> <q cite=""> <s> <strike> <strong> 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: