Annunci

Harry Potter, il piccolo, grande mago

harry-potter_header11È passato circa un mese da quando avevo scritto il post nel quale “annunciavo” l’inizio della mia nuova lettura, Harry Potter. Devo ammettere, con  mia enorme sorpresa, che la saga di J.K. Rowling mi ha conquistato. Giusto ieri sera ho chiuso l’ultimo libro, I Doni della morte. Un pizzico di nostalgia mi sta  già afferrando la mente questa mattina. Era ormai mia consuetudine ritagliarmi quei piccoli spazi dove, grazie alla fantasia e ai libri della Rowling, mi trovavo immerso in un mondo magico.

Un piccolo grande mago

Mi sono affacciato al mondo di Harry Potter a 30 anni e, almeno nei primi tre libri, mi è subito stato evidente come l’opera sia stata pensata per bambini.  C’è da dire però, che essendo una storia di formazione, via via che si va avanti la narrazione  è sempre più complessa, così come le prove che Harry e i suoi amici sono costretti ad affrontare. Dalle semplici paure di un bambino che si affaccia per la prima volta in una scuola magica, si passa ad affrontare il significato stesso della morte e soprattutto dell’amore. Un amore inteso verso la vita e verso le persone che ci circondano.

Mi sono affezionato ai personaggi, al mondo magico, ad Hogwarts. Ma questo è successo più per la mia fantasia che viaggiava nei “buchi” descrittivi che la Rowling ha lasciato. Penso che la sua abilità narrativa non sia da fuoriclasse, è però scorrevole e di facile interpretazione. Non ho apprezzato molto il fatto che vi siano così poche descrizioni di tanti aspetti riguardanti il mondo e i personaggi, così come non apprezzato la poca enfasi in alcune scene che potevano essere ancor più epiche. Un esempio su tutti che mi viene in mente scrivendo questo post è il “sacrificio” di Ron durante la partita a scacchi giganti. Quella scena, molto importante, l’ho trovata poco coinvolgente nel libro e stranamente fatta meglio nel film.

Un’idea geniale

Non reputo la scrittrice un prodigio nella scrittura come altri che scrivono questo genere o come “mostri” del calibro di Stephen King, eppure la sua saga mi ha appassionato nel profondo. Ma quindi come ha fatto la Rowling a conquistarmi? La risposta è tutta racchiusa nell’idea che ha avuto. Quella è veramente geniale, roba da “fuoriclasse”. Nella sua semplicità è riuscita a far sognare un mondo che infondo è racchiuso in ognuno di noi. Talmente brava a capire che non servivano nemmeno lunghe descrizioni per far vivere Hogwarts, ogni lettore avrebbe viaggiato con la sua fantasia immaginando cose che nemmeno la penna più brava sarebbe riuscita a descrivere.

 

 

 

Annunci

2 Comments

Il tuo punto di vista sulle poche descrizioni è interessante, non ci avevo mai pensato!

    Ciao e grazie per il commento! Bé sicuramente la mia preferenza cade su quei romanzi parecchio descrittivi, soprattutto per quanto riguarda il fantasy. Mi è saltato subito all’occhio questo modo di scrivere della Rowling, probabilmente utilizzato anche per il target a cui il libro si riferisce.

Rispondi

Name and email address are required. Your email address will not be published.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <pre> <q cite=""> <s> <strike> <strong> 

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: