Film

“Neruda”, il film sul poeta cileno dal 13 ottobre al cinema

neruda“Neruda” è un film girato dal regista cileno Pablo Larrain e uscirà nelle sale cinematografiche italiane giovedì 13 ottobre. Presentato al festival di Cannes, racconta la storia del celebre poeta e senatore cileno Pablo Neruda.

Siamo nel 1948 e Neruda è già un poeta affermato e un senatore del Partito Comunista. Le dichiarazioni contro le repressioni del Presidente Gonzalez Videla gli costano però un mandato d’arresto che lo costringe alla fuga. Da questo punto in poi il film si discosta dai fatti storici, narrando l’inseguimento del poeta da parte di un poliziotto (Gael Garcìa Bernal) che non ne condivide le idee politiche, ma lo ammira come personaggio. Questo inseguimento fra paesaggi andini e momenti di poesia tratti dal “Canto Generale” (importante opera letteraria scritta proprio in quegli anni),  crea una sorta di “relazione” a distanza tra i due.

Il film non è un biopic, semmai è un opera “Nerudiana”, come afferma lo stesso regista cileno in un intervista, “una fantasia sulla fuga e l’esilio del poeta che lui stesso forse avrebbe potuto amare”.

Trailer

Everest, un film che racconta la più tragica delle spedizioni

evrestI film che raccontano di spedizioni sulle più alte vette del mondo mi affascinano ma al tempo stesso mi angosciano. Sarà che sono conditi di scene molto forti e il finale la maggior parte delle volte è una tragedia.  Everest è un film del 2015 e narra la più disastrosa spedizione avvenuta nel 1996 sulla cima più alta del mondo. Protagonisti delle vicende sono Rob Hall con il suo gruppo, l’Adventure Consultants e Scott Fisher, con il suo Mountain Madness. La società di Rob ha avuto una rapida ascesa nel panorama internazionale grazie ai risultati ottenuti: riuscì a portare sulla cima dell’Everest 39 persone in soli 4 anni.

Ho trovato il film avvincente e interessante, mai noioso. Rob Hall viene descritto come una persona appassionata verso ciò che fa e molto attento alla sicurezza dei suoi clienti, sa quando farli fermare e quando andare avanti. Ho trovato ben costruita anche la scaletta, dove la fase di approfondimento dei personaggi è maggiore rispetto a quello dove poi effettivamente il gruppo scala la vetta. Questo mi ha lasciato l’opinione di un film più completo e meno incentrato sulla vicenda tragica.

Mi è venuta una gran voglia di approfondire la vera storia dei protagonisti e di come si è svolta effettivamente la vicenda. Ho scoperto che i libri su questa spedizione sono addirittura tre e hanno ispirato l’opera stessa. Il dibattito sulle colpe e su cosa sia andato storto va avanti da vent’anni e sembra non aver trovato mai una fine.

Sono ancora indeciso quale dei tre comprare o da quale iniziare, però ve li voglio segnalare tutti con le loro rispettive trame.

Recensione film: “Revenant – Redivivo”

revenant

Revenant – Redivivo è un film di Alejandro González Iñárritu ispirato all’omonimo romanzo Revenant, scritto da Michael Punke, che racconta la storia vera dell’esploratore Hugh Glass, nel film interpretato da Leonardo DiCaprio.

Trama

La storia è ambientata nel 1822 nel Mid-West degli Stati Uniti, il protagonista è  Hugh Glass ( Leonardo DiCaprio), cacciatore di pelli e guida di un gruppo di cacciatori nei territori impervi che brulicano di indiani ostili. Il suo compito è quello di riportare dopo 6 mesi di lavoro i compagni al forte. Nel suo viaggio lo accompagna anche suo figlio Hawk. Glass viene però attaccato da un orso e le ferite lo lasciano in una condizione prossima alla fine. Il capitano della compagnia lascia con lui due persone, tra cui il mercenario Fitzgerald (Tom Hardy), per dargli una sepoltura onorevole. Il compagno però lo tradirà orribilmente lasciandolo alla mercé della natura. La voglia di sopravvivere e quella di vendicarsi rimetteranno in piedi Glass, che si troverà a lottare nel suo viaggio di ritorno contro il dolore fisico e la rigidità dell’inverno inverno.

ANT-MAN: LA RECENSIONE DEL NUOVO CINECOMIC DELLA MARVEL CON PAUL RUDD E MICHAEL DOUGLAS

marvel-film-2015-supereroe-ant-man_388247Al centro della storia troviamo uno dei più originali eroi creati dall’incredibile mente di Stan Lee, non solo per quello che riguarda i poteri usati, il rimpicciolimento con l’aumento esponenziale della forza e la capacità di comunicare con le formiche, ma soprattutto dal punto di vista umano. Qui siamo ben lontani dalle surreali virtù che caratterizzano la maggior parte degli eroi Marvel, ma siamo di fronte ad una persona normale, che ha fallito nella vita macchiandosi di qualche crimine e che non è riuscito ad essere un buon padre di famiglia. Nel profondo però è una persona fondamentalmente buona che cerca un riscatto…

Continua a leggere

Considerazioni su Il Racconto dei Racconti

Il-racconto-dei-racconti1Il Racconto dei Racconti è un film di Matteo Garrone Liberamente tratto da “Lo cunto de li cunti” di Giambattista Basile. Lo Cunto de li Cunti è una raccolta di 50 fiabe in lingua napoletana scritte da Giambattista Basile (Napoli, 1575-1632), pubblicata postuma tra il 1634 e il 1636. L’opera, nota anche con il titolo di Pentamerone, è la più antica d’Europa nel suo genere ed ha ispirato tantissime favole: Cenerentola, Il Gatto con gli Stivali e la Bella addormentata nel bosco (solo per citarne alcune). Di queste 50 fiabe Garrone ne ha scelte tre per realizzare il suo film: “La Regina”, “La pulce” e “Le due vecchie”.

Cannes-2015-Salma-Hayek-mange-des-organes-dans-Tale-of-Tales-le-nouveau-Matteo-Garrone_referenceLe tre storie si intrecciano tra loro e i protagonisti sono tre sovrani, la Regina di Selvascura (Salma Hayek) pronta a qualsiasi azione pur di riuscire a concepire un figlio; il Re di Altomonte (Toby Jones) che si rivela poco saggio dimostrandosi più attaccato ad una pulce che alla sua unica figlia Viola (Bebe Cave) che addirittura finisce sposa ad un Orco; il Re di Roccaforte (Vincent Cassel) lussurioso e accecato dal desiderio a tal punto da credere che il canto di una vecchia lavandaia sia quello di una giovane vergine. Sebbene i temi delle fiabe sono stati elaborati nel 1600, racchiudono una certa modernità. Troviamo infatti l’ossessione per l’età e la bellezza, il morboso amore di una madre verso quel figlio per il quale aveva sacrificato tanto, le terribili prove che deve affrontare una ragazza quando fa il suo ingresso nella vita adulta.

Considerazioni su Maze Runner – Il Labirinto

2014-The-Maze-Runner-Movie-HD-WallpaperVolevo andarlo a vedere al cinema inizialmente, poi però il trailer non mi aveva convinto così tanto e così ci ho ripensato. Qualche giorno fa,  mentre vedevo insieme alla mia dolce metà quali film poter vedere, su suo suggerimento, abbiamo deciso proprio per Maze Runner.

Questo film è tratto dal romanzo Il Labirinto, scritto da James Dashner. Ambientato in un mondo post-apocalittico, nella prima scena troviamo il giovane Thomas in un ascensore che sale verso l’alto, si ritroverà all’interno di una radura racchiusa tra alte mura di pietra: proprio al centro del labirinto. Qui verrà accolto da altri ragazzi che hanno formato una piccola comunità con le loro leggi e le loro regole, che il protagonista dovrà rispettare. Dopo aver capito di essere rinchiuso in un labirinto, Thomas “scalpita” per unirsi ai velocisti, ragazzi che ogni mattina escono nel labirinto per trovare una via d’uscita. Il punto però non è solo uscire da quella prigione di pietra, ma anche svelare il segreto su chi li ha portati lì, e perché. Sinceramente non so quanto il film sia fedele con il romanzo, anche perché The Maze Runner è una serie di ben sei romanzi che io non ho mai letto.

Trailer del film 3D tratto dal Piccolo Principe

Piccolo-principeIn Italia per vedere il tanto atteso film ispirato a il Piccolo Principe, il capolavoro scritto da Antoine de Saint-Exupéry, bisognerà aspettare fino al 3 dicembre 2015. Il cartone animato in 3D sarà diretto da Mark Osborne e prodotto da Leonardo DiCaprio.

Anche se non parteciperà al festival di Cannes, il film sarà mostrato in anteprima proprio al prestigioso concorso, e nella versione italiana vedrà la voce di Toni Servillo nei panni dell’aviatore.

 

 

Trailer


Andrete a vederlo? Personalmente non vedo l’ora che esca!