haruki murakami

Recensione: “Norwegian Wood” di Haruki Murakami

norwegian wood murakamiNorwegian Wood √® il primo romanzo che leggo di Haruki Murakami. √ą un’opera molto intima, che racconta la storia di Toru Watanabe, un ragazzo che si affaccia al mondo e alla vita da adulto in una grande citt√† come Tokyo. Tutto inizia quando ormai adulto, atterrato in aeroporto,¬†le note di “Norwegian Wood”¬†dei Beatles risvegliano in Watanabe¬†tristi ricordi:¬†questa canzone gli riporta alla mente l’amata Naoko, fragile e infelice amore dei suoi vent‚Äôanni.
Di lei, che gli aveva fatto¬†promettere di non dimenticarla mai, emerge ormai¬†solo ‚Äú‚Ķun paesaggio senza figure‚ÄĚ, perch√© nonostante il desiderio di mantenere il suo ricordo, gli √® necessario del tempo per lasciar riaffiorare la storia complicata di quegli anni e quel volto amato.

Haruki Murakami ci fa rivivere la vita di un giovane di vent’anni alla fine degli anni 60′, tra rivolte studentesche e agitazioni di quel periodo. L’autore si concentra sulle vicende pi√Ļ intime e private di Toru che non viene toccato dagli eventi esterni di quegli anni, ma lotta duramente per maturare e non farsi scivolare via la sua vita.