poesie di Natale

Poesie di Natale, Hirozaku Ogura – Natale un giorno

candele-nataleOggi è la vigilia di Natale e siamo arrivati all’ultima poesia dedicata a questi giorni di festa. Mi voglio leggermente discostare da quello che avevo inserito nei giorni scorsi, e ho deciso per un autore “sconosciuto”, Hirokazu Ogura. Nato nel 1960, Hirozaku è un musicista e cantante giapponese, non sono riuscito però a reperire ulteriori informazioni su di lui, tuttavia questa poesia mi ha colpito molto. Non celebra il Natale nella maniera in cui siamo abituati, ma fa riflettere su aspetti e temi davvero importanti che sono alla base dei sentimenti che animano il cosiddetto “spirito natalizio”. Colgo anche l’occasione per augurare a tutti voi un sereno e felice Natale!

Natale, un giorno

Perché
dappertutto ci sono così tanti recinti?
In fondo tutto il mondo e un grande recinto.

Perché
la gente parla lingue diverse?
In fondo tutti diciamo le stesse cose.

Perché
il colore della pelle non e indifferente?
In fondo siamo tutti diversi.

Perché
gli adulti fanno la guerra?
Dio certamente non lo vuole.

Perché
avvelenano la terra?
Abbiamo solo quella.

A Natale – un giorno – gli uomini andranno d’accordo in tutto il mondo.
Allora ci sarĂ  un enorme albero di Natale con milioni di candele.
Ognuno ne terrà una in mano, e nessuno riuscirà a vedere l’enorme albero fino alla punta.

Allora tutti si diranno “Buon Natale!”

a Natale, un giorno.

Poesie di Natale, Salvatore Quasimodo – Natale

il_presepeSiamo al secondo post dedicato alle poesie di Natale. Oggi ho scelto una poesia che a me piace molto di Salvatore Quasimodo, noto poeta italiano ed esponente di rilievo dell’ermetismo.

 

 

Salvatore Quasimodo, Natale
Natale. Guardo il presepe scolpito,
dove sono i pastori appena giunti
alla povera stalla di Betlemme.
Anche i Re Magi nelle lunghe vesti
salutano il potente Re del mondo.
Pace nella finzione e nel silenzio
delle figure di legno: ecco i vecchi
del villaggio e la stella che risplende,
e l’asinello di colore azzurro.
Pace nel cuore di Cristo in eterno;
ma non v’è pace nel cuore dell’uomo.
Anche con Cristo e sono venti secoli
il fratello si scaglia sul fratello.
Ma c’è chi ascolta il pianto del bambino
che morirĂ  poi in croce fra due ladri?